Ferrari 275 GTS: un altro restauro senza compromessi

Quando veniamo sfidati sulla qualità, diamo il meglio.

La carrozzeria di questa Ferrari 275 GTS è stata restaurata da noi, in Brandoli, in modo completo: dai lamierati fino alla più piccola vite.

Il proprietario, impressionato dal “perfetto restauro” da noi eseguito sulla GTS di un suo amico, ha deciso che la sua prestigiosa convertibile sarebbe stata affidata a noi per un restauro che fosse, detto con le sue parole, senza compromessi.

E noi, quando veniamo sfidati sulla qualità, diamo il meglio.

La GTS di cui ti parliamo è nata nel 1965.

Ogni restauro ha la sua squadra di artigiani

Nell’ultimo anno, in Brandoli abbiamo affrontato il restauro di questa 275 GTS con l’obiettivo di arrivare a un risultato che rispettasse l’originalità della vettura. In ogni suo aspetto.

Il restauro completo della carrozzeria è iniziato dallo smontaggio di tutte le componenti: operazione necessaria per analizzare lo stato di ogni parte che forma l’insieme. Durante i tre mesi di impegno intenso sui lamierati, un lavoro supplementare è stato dedicato al muso, riparato in modo approssimativo anni addietro a seguito di un incidente.

La lavorazione del metallo non è però l’unica fase di responsabilità del carrozziere. Il pre-montaggio e il montaggio finale sono momenti dove ogni dettaglio è curato al massimo da noi in Brandoli.

Gli interni, l’impianto elettrico, la verniciatura per questa 275 GTS sono stati curati da artigiani della zona, con i quali Brandoli ha relazioni di lungo periodo.

Il restauro è concluso e la vettura è ora in attesa di Certificazione di Autenticità Ferrari Classiche.

Nuove avventure aspettano questa Ferrari 275 GTS del 1965.

Ora qualche input sulla differenza tra la carrozzeria della GTS e della GTB! Continua a leggere.

Nella foto: la fase di premontaggio (maniglie porta, modanature parabrezza e vetri deflettori ecc)

Un po’ di storia della carrozzeria della Ferrari 275 GTS

La Ferrari 275 GTS è stata presentata nel 1964 al Salone dell’Automobile di Parigi, insieme alla berlinetta Ferrari 275 GTB.

Le due “sorelle” sono marcatamente diverse nelle linee esterne.

La carrozzeria della 275 GTB è stata realizzata a poca distanza dalla Ferrari, negli stabilimenti Scaglietti di Modena, ed è uno dei modelli di Gran Turismo su cui Egidio Brandoli mette le mani dopo i modelli Ferrari 250 GTO, 250 LM, 250 GTL. Ha linee tese e slanciate, la coda tronca che ricorda il mondo delle corse.

La carrozzeria della GTS è stata progettata e costruita da Pininfarina negli stabilimenti di Torino, e il design complessivo della vettura risulta di eleganza sportiva.

La 275 GTS era in gran parte destinata al mercato americano, in quanto le convertibili Ferrari erano vendute bene in climi come la California e la Florida, dove l’attrattiva e la commerciabilità di un grande cabriolet da turismo ad alte prestazioni erano da tempo stabiliti.

Scopri la nostra Arte del Restauro