Chi siamo

Roberto ed Egidio Brandoli

Come siamo diventati professionisti del restauro conosciuti in tutto il mondo?

Ecco la nostra storia.

1963 – Le origini alla Scaglietti

Egidio Brandoli ha visto nascere, alla Scaglietti di Modena, le Ferrari sport e granturismo dal 1963 al 1979. Diciassette anni passati alla Scaglietti: l’ufficiale carrozzeria per la Ferrari dove, al momento della formazione della “divisione restauro”, Egidio guida il reparto dedicato all’assistenza Clienti.

Per la sua abilità nella lavorazione del metallo e per la sua sensibilità durante le fasi di assistenza ai Clienti, diventa uomo di fiducia del proprietario Sergio Scaglietti.

Negli anni della permanenza presso l’officina ufficiale Ferrari, Egidio ha lavorato sui modelli:

  • 250 GTO, 250 LM, 250 GTL
  • prototipi tipo 330 Sport/Prototipo
  • 275 GTB/2
  • GTB/4
  • Dino 206 Sport/Prototipo, Dino 206 GT, Dino 246 GT, Dino 308 GT4 Bertone
  • 365 GTB/4 Daytona
  • 365 GTS/4 Daytona Spider
  • 512 Se 512 M
  • 312 P
  • 365 GT4 BB e 365 GTB/4 competizione
  • 246 GTS
  • 308 GTB/GTS

1980 – La fondazione della bottega artigiana

La decisione di Egidio di mettersi in proprio avviene quando Fiat acquisisce la Ferrari, nel 1979, e di conseguenza viene finalizzata anche l’operazione legata alla Scaglietti. Lui non condivide la direzione che la nuova proprietà vuole dare al business. Tutto è concentrato, in sostanza, sulla produzione di auto moderne. Sono anni in cui nessuna intenzione è diretta a valorizzare il patrimonio storico tantomeno l’assistenza per i Clienti che negli anni precedenti avevano acquistato in Scaglietti le loro Ferrari classiche, e lì avrebbero voluto ritornare per la riparazione o il rinnovamento.

Così, nel 1980, arriva a fondare la sua bottega artigiana: la Carrozzeria Brandoli.

A Montale, da tutto il mondo

Un piccolo laboratorio a Montale Rangone, in via Zenzalose, e la moglie Renata che lo assiste per la parte amministrativa.

Questo è l’inizio dell’avventura Brandoli.

Le richieste, in realtà, arrivano da sole: è l’effetto, inatteso, del lungo periodo di lavoro passato alla Scaglietti.

Ben presto Egidio stabilisce una fiorente attività di restauro, con una clientela internazionale che riconosce la qualità della sua lavorazione artigianale, valorizzata anche dalla stretta alleanza con Scaglietti, l’originale carrozziere delle loro preziose automobili.

Oggi – Da bottega a impresa artigiana

Da diversi anni Roberto Brandoli è alla guida dell’officina artistica.

Ha iniziato ad affiancare suo padre, Egidio, nel 1984, aveva 18 anni.

È cresciuto assimilando la raffinata arte della lavorazione del metallo, ha lavorato a fianco del padre espandendo il business attraverso le crescenti richieste di Clienti che desideravano restauri Made in Italy, anzi, Made in Maranello.
Le domande per ricambi di carrozzeria, oggi introvabili, è sempre stata crescente perché costruite con la stessa precisione dedicata ai restauri.

L’eredità della Storia

Che si tratti di restauri integrali oppure di creare un solo componente della carrozzeria, il nostro approccio non cambia.

Abbiamo rispetto dei disegni originali quindi dell’unicità dell’automobile e guardiamo al lato bello della complessità.

La perseveranza nella definizione dei dettagli è la strada per valorizzare l’eredità della storia.

Le emozioni in arte

Su idea di Roberto, l’esperienza della lavorazione del metallo è stata trasferita in oggetti di design.

Le attività di restauro di Ferrari d’epoca e di creazione ricambi convivono oggi con l’esclusiva linea Brandoli Artwork: tavoli, sedie, punti luce, lampade, cornici e molti altri oggetti esclusivi per l’arredo.

Progetti personalizzati che ricreano nell’ambiente in cui viviamo le emozioni che ci trasmette un’auto sportiva.

Anche per questo, la nostra officina artistica è visitata da appassionati provenienti da tutto il mondo.